SHOP >> TARTUFO BIANCHETTO

Tuber albidum Pico

Considerato il fratello minore del tartufo bianco, il Tartufo Bianchetto (Tuber albidum Pico) viene denominato con diversi termini comuni (bianchetto, marzuolo, tartufo di pineta) a seconda del colore, dell’epoca di maturazione e dell’habitat di sviluppo.

info

STAGIONALITÀ
L’epoca di maturazione va da Gennaio ad Aprile. Il carpoforo è di piccole-medie dimensioni che variano da quelle di un pisello a quelle di un’albicocca.

IDENTIKIT
Il peridio è liscio di colore molto variabile: giallo ocra, bruno-ruggine o aranciato, spesso maculato.
Il colore della gleba evolve dal biancastro degli esemplari immaturi a rosso bruno scuro di quelli giunti a maturità, con grossolane vene bianco ocracee sfumate.

PROFILO ORGANOLETTICO
Ha un gusto intenso e un po’ sfacciato, dai sentori olfattivi spiccatamente agliacei.

UTILIZZO
Il suo utilizzo ottimale è sotto forma di crema, nel burro o nel ripieno della pasta fresca.
La sua fragranza intensa lo rende adatto ad accompagnare anche piatti più robusti rispetto a quelli suggeriti per il Tartufo Bianco, ai quali conferisce un guizzo di personalità.

SHOP

TARTUFO BIANCHETTO

Tuber albidum Pico

Considerato il fratello minore del tartufo bianco, il Tartufo Bianchetto (Tuber albidum Pico)
viene denominato con diversi termini comuni (bianchetto, marzuolo, tartufo di pineta)
a seconda del colore, dell’epoca di maturazione e dell’habitat di sviluppo.

SCEGLIETE IL VOSTRO TARTUFO

v

Considerato il fratello minore del tartufo bianco, il Tartufo Bianchetto (Tuber albidum Pico) viene denominato con diversi termini comuni (bianchetto, marzuolo, tartufo di pineta) a seconda del colore, dell’epoca di maturazione e dell’habitat di sviluppo.
STAGIONALITÀ

L’epoca di maturazione è autunnale, da Settembre a Dicembre, ma in base alle condizioni climatiche può fruttificare anche in piena estate, tra Luglio e Agosto. Tuttavia, per preservarne la crescita, il periodo di raccolta è stabilito da normative locali.

IDENTIKIT

Il peridio è liscio, di colore giallo ocra o giallo olivastro, talvolta con zone bruno ruggine. La gleba è di colore bianco grigiastro negli esemplari maturi ed evolve verso il giallo ocra o nocciola, con venature molto sottili.

PROFILO ORGANOLETTICO

Ha un aroma caratteristico e inconfondibile dai suoi numerosi estimatori. Al naso è penetrante, con un piacevole sentore di aglio.

UTILIZZO

Si assapora a crudo, tagliato con l’apposito affettatartufi in lamelle sottilissime a completamento del piatto. La sua personalità dirompente nobilita i piatti più semplici della tradizione italiana, dalle tagliatelle al burro al risotto al Parmigiano, fino al dessert come suggeriscono alcune preparazioni creative ideate dai grandi chef stellati.

Visualizzazione di tutti i 5 risultati

Visualizza

STAGIONALITÀ
L’epoca di maturazione va da Gennaio ad Aprile. Il carpoforo è di piccole-medie dimensioni che variano da quelle di un pisello a quelle di un’albicocca.

IDENTIKIT
Il peridio è liscio di colore molto variabile: giallo ocra, bruno-ruggine o aranciato, spesso maculato.
Il colore della gleba evolve dal biancastro degli esemplari immaturi a rosso bruno scuro di quelli giunti a maturità, con grossolane vene bianco ocracee sfumate.

PROFILO ORGANOLETTICO
Ha un gusto intenso e un po’ sfacciato, dai sentori olfattivi spiccatamente agliacei.

UTILIZZO
Il suo utilizzo ottimale è sotto forma di crema, nel burro o nel ripieno della pasta fresca.
La sua fragranza intensa lo rende adatto ad accompagnare anche piatti più robusti rispetto a quelli suggeriti per il Tartufo Bianco, ai quali conferisce un guizzo di personalità.

Start typing and press Enter to search

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.